Shiatsu

 

 

 

Una breve storia

Lo Shiatsu (dal giapponese shi= dito ed atsu= pressione) è una tecnica di trattamento manuale che nasce in Giappone e viene riconosciuta e legalizzata alla fine degli anni ’40  ma  affonda le sue origini nelle antiche tradizioni dell’arte medica cinese Kampo , conosciuta anche come Medicina Tradizionale Cinese,  la quale includeva la terapia manuale anma e ampuku, insieme alle sue pratiche predominanti: la fitoterapia,l’agopuntura e la moxibustione .

Praticato in maniera informale almeno dal 200 a.c , nel corso dei secoli ha visto modificare la sua inclusione nella varie terapie mediche fino ad arrivare nel diciottesimo secolo , periodo particolarmente pacifico per il Giappone,  caratterizzato da una effervescenze attività intellettuale che però allo stesso tempo stimolò l’interesse della società verso la coltura occidentale lasciandosi affascinare dai piaceri e dai lussi della vita .Questo cambiamento svalutò il valore etico e terapeutico dell’anma in un mero massaggio voluttario per benifici psicologici e sessuali.

Nel periodo antecedente alla Seconda Guerra Mondiale l’anma divenne l’occupazione principale dei non vedenti . Durante l’occupazione americana del Giappone l’alto comando militare, con a capo il generale McArthur, prese in considerazione di bandire sia l’anma che lo shiatsu ma i ciechi insorsero e si appellarono a Helen Keller1, in America, perché intercedesse in loro favore. La loro richiesta ebbe successo.

Successivamente lo Shiatsu iniziò il suo sviluppo separatamente dall’anma , rifondando nuovamente il suo sistema terapeutico sui concetti originali della filosofia antica fino a coprire un ruolo curativo legalizzato dal governo.

Lo Shiatsu è…una disciplina evolutiva che sostiene lo sviluppo della consapevolezza di noi stessi valorizzando l’espressione delle proprie potenzialità nella ricerca del benessere e dell’equilibrio psico-fisico.

E’ una pratica di origine giapponese  che affonda le  sue radici nell’antico sistema medico-filosofico cinese e si avvale di tecniche e principi ben precisi.

Come funziona                                                                                                                            

La modalità utilizzata è la pressione perpendicolare esercitata prevalentemente col palmo della mano,ma secondo le necessità e gli stili, si possono utilizzare anche pollici, gomiti, ginocchia e piedi. Il tocco,  profondo ma rispettoso ,è modulato  in modo ritmico su zone,punti e meridiani in modo da stimolare il flusso energetico che scorre naturalmente nel corpo umano, che se bloccato può essere causa di disturbi di varia natura, con lo scopo di risvegliare le risorse vitali profonde dell’individuo per ristabilire equilibrio e armonia attraverso l’ascolto consapevole del proprio corpo e delle emozioni che si generano

A chi si rivolge e a cosa serve

Non c’è ETA’ per ricevere un trattamento Shiatsu che ben si adatta alla terza età così come ai bambini e può essere un valido sostegno pre e post-partum .

Può essere efficace per varie sintomatologie di origine muscolare( cervicale, lombalgia etc..), tendinea, gastrointestinale

Nello sport può essere un valido supporto per aumentare efficienza nella performance , prontezza , recupero, concentrazione e prevenzione infortuni.

Aiuta ad affrontare forme di ansia e stress offrendo una’occasione di consapevolezza  e cambiamento imparando ad ascoltare ed accogliere queste emozioni .

Lo Shiatsu non è una terapia e non sostituisce la terapia medica. Agisce come prevenzione e può essere un efficace sostegno anche per chi soffre di dolori cronici alleggerendo lo stress causato dal dolore

La seduta Shiatsu

La seduta  Shiatsu ha una durata di circa 60 minuti e viene praticata sul futon (materasso tradizionale della cultura giapponese)in un ambiente rilassante e accogliente. Il  ricevente ( Uke) è vestito con comodi abiti. Non vengono utilizzati oli o creme

1 Helen Keller : Scrittrice e pedagogista americana( 1880-1968)
Colpita da una malattia infettiva all’età di due anni , divenne cieca e sordomuta . A sette anni fu affidata alle cure di Anne Mansfield Sullivan , dell’Istituto Perkins di Boston, che le insegnò gradatamente a leggere e scrivere . Questo le permise di frequentare gli studi raggiungendo la laurea al Radcliffe College.
Si battè energeticamente  in favore  d’importanti riforme sociali. Dall’incontro tra la Keller e la Sullivan è nato un testo , inizialmente un dramma televisivo , Anna dei Miracoli, che poi fu portato sulle scene cinematografiche vincendo l’oscar negli anni 60.